Categorie
Uncategorized

Colombia, assalto con esplosivi a stazione di Polizia

06.08.2020 – Alessandro Bonafede

L’attacco, avvenuto il 3 agosto, ha causato solo perdite materiali, la polizia sta indagando. L’attentato potrebbe essere opera di “bande urbane organizzate” o di gruppi armati illegali che operano nella zona come i gruppi paramilitari o la guerriglia dell’ELN. L’attentato è avvenuto a Tibù Norte de Sant Anderal confine con il Venezuela. L’attacco ar,ato è avvenuto nella località nota come Petrolea, comune di Tibù.

Le esplosioni si sono verificate alle 4:15 del pomeriggio di lunedì. Non ci sono stati feriti ma solo danni materiali ingenti. Alcuni abitanti assicurano che gli autori materiali dell’attentato sono stati 2 uomini a bordo di una motocicletta DR-650 in possesso di una granata esplosiva. Secondo alcuni testimoni del fatto, gli autori materiali dell’attacco avrebbero usato come via di fugavie di difficile accesso. La Polizia Nazionale colombiana ha invitato la popolazione a offrire informazioni che permettano di identificare i responsabili dell’attacco.

In questa zona della Colombia fanno presenza strutture paramilitari (Los Rastrojos), cellule della dissidenza delle FARC (Forze Armate Rivoluzionarie Colombiane) che non hanno mai partecipato al processo di pace dell’Avana, fronti della guerriglia dell’ELN (Esercito di Liberazione Nazionale) e bande criminali.

Secondo il comandante della Polizia di Norte de Santander, il colonnello Jhon Alzate “nella zona operano integranti della guerriglia ELN (Esercito di Liberazione Nazionale) e membri della dissidenza del fronte 33 de la guerriglia delle Farc, che potrebbero essere responsabili dell’attentato”.

Le autorità ipotizzano che l’attentato sia di una risposta alla eradicazione manuale e alle fumigazioni con glifosato delle coltivazioni di coca.

Nell’ultimo mese se sono registrate quattro azioni violente contro membri della Polizia e dell’Esercito nel Catatumbo colombiano. I responsabili sarebbero membri della guerriglia dell’ELN e del fronte 33 della dissidenza delle Farc.

Il governo Duque viene ora accusato dalle FARC di non fare nulla per fermare gli omicidi selettivi di ex guerriglieri. Solo nel mese di luglio in Colo,bia sono stati uccisi da sicari 33 attivisti sociali. Le FARC durante il processo di pace hanno fondato un proprio partito e hanno cambiato il nome in Forze Alternative Rivoluzionarie del Comune. Lo stillicidio di assassinii di leader sociali a colpi di sicariato è stato più volte denunciato da stampa, ONG e organizzazioni sociali. Solo nel mese di luglio in Colombia sono stati uccisi da sicari ben 33 attivisti sociali.

Di Alessandro Bonafede

Alessandro Bonafede Nasce a Roma nel 1981 e fino ai 18 anni vive tra Lazio Sardegna e Umbria. Si diploma al liceo classico con pieni voti. Studia all'università Cesare Alfieri di Firenze, all'Università per Stranieri di Siena e all'Università Roma3 dove si laurea in comunicazione internazionale. Mentre studia all'università lavora nel cinema, nella televisione e scrive per la rivista culturale romana Piramide. Si diletta in fotografia. Dopo la laurea effettua il servizio civile presso una ONG in un progetto chiamato “comunicare la cooperazione internazionale”. Lavora in ONG come OXFAM, Operation Smile, Ricerca e Cooperazione, la Villetta per Cuba nel settore comunicazione e ufficio stampa, a volte come responsabile e coordinatore generale. Pubblica articoli sulla Colombia per il quotidiano on line no profit Peacereporter. Effettua 3 viaggi per un totale di 3 anni in Colombia lavorando con la ONG IPO International Peace Observatory, specializzata in tutela dei diritti umani e accompagnamento internazionale, come responsabile della comunicazione. Lavora inoltre come professore di lingua e cultura italiana presso la scuola ufficiale di lingua italiana Dante Alighieri comitato di Bogotà. Fonda una associazione no profit internazionale chiamata ISOLA Internazionalismo SOLidarietà Autodeterminazione, di cui viene eletto ed è tutt'ora presidente. Oltre che come fotografo ha lavorato come programmatore web, grafico, esperto di sicurezza informatica e video maker. Ha effettuato numerosi viaggi in Francia, Spagna, Repubblica Ceca, Olanda, Austria. Inghilterra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *